Accadimenti

La signora Edda

La signora Edda ha dei bellissimi capelli naturalmente bianchi, molto vaporosi che finiscono con piccoli boccoli sulle spalle e che si riavvia molto spesso. Ha un paio di scarpe di un marrone chiaro e caldo e delle pesanti calze color carne. Un portafoglio rosa e un foulard leopardato, che, dice, la accompagna da tantissimi anni e di cui le piace moltissimo la fantasia. La signora Edda abita a Milano da 40 anni, ha iniziato facendo l’impiegata al comune della sua città, e, da sola, ha deciso di trasferirsi qui per lavorare in banca. L’hanno sempre richiamata dopo un colloquio, dice, evidentemente molto fiera.

La signora Edda è inciampata, oggi, per strada, davanti al mio portone. Si è sbucciata il ginocchio, solo un graffio, vero signorina? C’è sangue? Le sembra grave? Nulla di grave, una sbucciatura superficiale, niente sangue, solo probabilmente un livido doloroso in arrivo. Peccato per le calze però. La signora Edda le aveva appena comprate. Meglio tenersene sempre qualche paio in casa, perché si rompono molto facilmente.

Me la prendo sottobraccio, la signora Edda, la cassa dell’acqua ancora sotto all’altro e l’accompagno a casa. Dice che era uscita per prendere un po’ d’aria, per un caffettino, e insiste perché ci fermiamo in un bar a prendercelo finalmente, questo caffettino che voleva così tanto e che le ha procurato un buco nelle calze, sul ginocchio, perché la vita vuole metterci sempre in ginocchio, dice, ma non ce la fa mai. Io ordino un cappuccino di soia. Ridacchiando come una bambina mi dice che lei non sapeva nemmeno che esistesse, il cappuccino di soia.

Sedute al tavolo del bar, mi racconta che alla mia età (24 anni) stava per sposarsi, ma che poi ognuno è andato per la sua strada. La madre della signora Edda le diceva sempre che sposarsi è come una scommessa, come un’incognita. Questo non le impedisce di cercare di sistemarmi col barista. “Non ci vedo tanto bene, ma che il ragazzetto le butta l’occhio lo vedo benissimo.”

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.